L’Avvento: il tempo di attesa che ci porta al Natale

L’Avvento, iniziato ieri, è un momento di preparazione e attesa che ci accompagnerà per quattro domeniche e si concluderà poi con l’arrivo del Natale.

Papa Francesco lo ha definito come un «tempo che ci è dato per accogliere il Signore che ci viene incontro, anche per verificare il nostro desiderio di Dio, per guardare avanti e prepararci al ritorno di Cristo (…) un tempo per riconoscere i vuoti da colmare nella nostra vita, per spianare le asperità dell’orgoglio e fare spazio a Gesù che viene”.

Il temine “Avvento” deriva dal latino “adventus” e significa appunto “venuta”. Indica un tempo di attesa, di conversione e di speranza, che può essere diviso in due momenti: una prima parte che ci invita a risvegliare l’attesa del ritorno di Cristo e una seconda parte che rimanda al mistero dell’incarnazione e ci invita ad accogliere il Verbo fatto uomo per la nostra salvezza.

natività gesù

Uno dei simboli dell’Avvento, presente anche nella nostra chiesa, è la “corona d’Avvento”, costituita da quattro candele che vengono illuminate una alla volta nelle quattro domeniche precedenti al 25 dicembre. Ieri abbiamo acceso la prima.

Le quattro candele dell’Avvento simboleggiano le grandi tappe della salvezza in Cristo. Nella prima domenica d’Avvento, accendiamo la prima candela che simboleggia il perdono ad Adamo ed Eva. Cristo è sceso agli Inferi per perdonarli. La seconda domenica, la seconda candela rappresenta la fede dei Patriarchi: Abramo, Isacco e Giacobbe, che hanno creduto alla Promessa della Terra Promessa, alla Canaan degli ebrei; da lì sarebbe nato il Salvatore, la Luce del Mondo. La terza candela, accesa con le prime due, simboleggia la gioia del re David, il re che simboleggia il Messia perché sotto il suo regno ha riunito tutte le tribù di Israele, così come Cristo riunirà in sé tutti i figli di Dio. È la domenica della gioia. L’ultima candela simboleggia invece i Profeti, che hanno annunciato un regno di pace e di giustizia che il Messia avrebbe portato.

Lascia un commento