Lettera di ringraziamento a Don Angelo da parte della comunità di Isola Rizza

Di seguito pubblichiamo la lettera di saluto a Don Angelo da parte della nostra comunità, letta durante la Santa Messa del 15 settembre. Grazie ancora per tutti questi anni passati con noi, per essere stato la nostra guida e un augurio di cuore per il nuovo percorso che stai per intraprendere.

Saluto a Don Angelo

Eccoci qui, caro don Angelo, la nostra comunità si è riunita per lodare innanzitutto il Signore e Maria nostra Madre che oggi ricordiamo nella Sua dimensione più “alta” di donazione e obbedienza: quella che la vede accogliere fra le braccia il Suo Figlio, privato della vita terrena. Lei è la Madonna Addolorata.

Ma siamo qui anche per salutare e ringraziare te.
E’ un tempo di “cambiamento”, di “partenza”….. come viverlo nella fede?
Certo, ogni distacco è fonte di preoccupazione e di incertezza, perché interrompe e modifica relazioni umane stabilite nel tempo; sei stato pastore della nostra comunità per 10 anni; hai imparato ad amarla, hai instaurato legami con le persone.

Il tuo trasferimento è segno tangibile della provvisorietà di questi legami, umanamente importanti, ma destinati a cambiare, soprattutto nella vita di un sacerdote; siamo convinti comunque che, con la tua determinazione, saprai ricominciare in un nuovo ambiente e con nuove persone.
“Tagliare” e saper ripartire altrove è la vera radice dell’identità di un uomo-di-Dio.
Il distacco, quindi, diventa segno concreto della tua appartenenza al Signore; sì, perché un sacerdote non si appartiene e non appartiene alla sua gente, se non per fede.
Don Angelo, hai percorso un tratto della tua vita insieme a noi e ti assicuriamo che il tuo passaggio, fra slanci e battute d’arresto, fra pregi e fragilità, lascerà indubbiamente un segno indelebile nel tempo.

Preghiamo il buon Dio, nostro Padre, affinché ti conceda la gioia di rimetterti in “gioco”, la forza di ricominciare, la capacità di rinnovarti nella fede e il dono di una ri-conversione in Dio, con Dio e per Dio.
L’augurio di tutti noi qui presenti, si concretizza nelle parole di San Francesco che, con gioia vera, doniamo a te questa sera: “Il Signore ti benedica e ti custodisca, mostri a te il Suo volto e abbia misericordia di te. Rivolga verso di te il Suo sguardo e ti dia pace. Il Signore ti benedica, don Angelo”.
La Madonna non mancherà di farti sentire forte la Sua materna protezione.

Isola Rizza, 15 settembre 2018

La tua comunità parrocchiale.

Lascia un commento